Employee experience design con MYSPOT: spazi, tecnologie, persone

07/10/2020 eFM

L’employee experience design (EED or EXD) è un approccio con cui si punta ad aumentare la qualità dell’esperienza delle persone nel contesto lavorativo in cui operano. Un’esigenza che, se prima del Covid-19 nasceva soprattutto a causa della digitalizzazione spinta di luoghi e processi, oggi viene incontro al boom dello smart working quale modello collaborativo sempre più diffuso e praticato. MYSPOT, la piattaforma realizzata da eFM attraverso un percorso di open innovation, rappresenta una tra le soluzioni di employee experience design più efficaci a livello globale. È una società di ricerca come Gartner ad averlo riconosciuto, conferendo a Myspost nel 2018 il prestigioso riconoscimento di cool vendor nell’ambito dell’Employee Engagement and Enablement in the Digital Workplace. La motivazione di Gartner è che MYSPOT, insieme a pochi altri, ha dimostrato “di poter aiutare i lavoratori a connettersi con le persone, le informazioni, i chatbot e i luoghi che permetteranno nuovi modi di lavorare”.

 

Come MYSPOT realizza l’employee experience design

Il primo contributo di MYSPOT alla realizzazione dell’employee experience design consiste nella trasformazione degli spazi di lavoro in luoghi “intelligenti e sensibili”. La soluzione di eFM, infatti, si pone come leva strategica per l’adozione di servizi innovativi di Facility Management. Anzitutto consente di selezionare il workplace che risponde meglio alle esigenze dell’azienda dando la possibilità di scegliere da un ampio catalogo preconfigurato. Le diverse varianti modulari, poi, possono essere customizzate in funzione di fabbisogni specifici o, come nella situazione attuale dettata dalla mitigazione del rischio dei contagi, tenendo conto di normative stringenti in termini di prossimità delle postazioni, igienizzazione degli ambienti, percentuale di occupancy, ecc. In pratica, qualsiasi progettazione ex novo o riprogettazione condotta con l’ausilio di MYSPOT si avvale di tecnologie di Virtual Reality e di analisi fondate su What-if scenario con cui implementare l’employee experience design alla luce della dotazione strutturale preesistente, della distribuzione ottimale delle risorse e degli output attesi.

 

Tecnologia, fattore abilitante dell’employee experience

Anche la tecnologia interviene nella definizione dell’employee experience design quale fattore abilitante che accompagna l’utente in un’esperienza personale e professionale di qualità. MYSPOT, infatti, è nativamente integrato con le più importanti applicazioni verticali offerte dai vendor leader di mercato. In questo modo svincola le organizzazioni dall’avere una dotazione software e hardware che si configuri in base alla modalità della collaborazione, in prossimità o da remoto. L’employee journey viene così facilitato a prescindere dal fatto che si lavori in uno spazio fisico condiviso, a casa propria, nel parco o in qualsiasi altro luogo. In più, MYSPOT favorisce l’engagement delle persone raccogliendo in tempo reale informazioni, grazie anche all’interconnessione con dispositivi IoT (Internet of things), che servono a monitorare tutti i dati rilevanti del workplace: da quelli che riguardano la gestione dell’immobile (temperatura, condizionamento, pulizia, manutenzione, ecc.) ai flussi delle presenze (ingresso, uscita, rotazione nelle postazioni in coworking), fino al grado di soddisfazione degli end-user.

 

Le tre direttrici nell’employee experience design di MYSPOT

La capacità di tracciare e di valutare il sentiment delle persone assegna all’employee experience design di MYSPOT un valore distintivo rispetto ad analoghe soluzioni reperibili sul mercato. In sostanza, la piattaforma di eFM mette a disposizione toolkit e strumenti con i quali incrementare i livelli di produttività e la qualità complessiva sperimentata dal worker. Muovendosi lungo tre direttrici - change, share, feel -, MYSPOT permette di:

  • aumentare l’intelligenza collettiva dei singoli e delle organizzazioni proponendo una visione aziendale strategica che incentivi un nuovo modello organizzativo più efficiente;
  • analizzare le relazioni digitali e fisiche al fine di migliorare la dimensione collaborativa e la creatività frutto della condivisione di idee e di un team working realmente efficace;
  • accompagnare le persone attraverso i momenti di business chiave, dando loro suggerimenti opportuni sulle tecniche e le buone prassi da utilizzare di volta in volta.

Ecco perché l’employee experience design di MYSPOT abilita a quei “nuovi modi di lavorare” citati da Gartner.

I 5 step per l'ufficio diffuso: clicca qui e scarica l'infografica